Afidi – parassiti delle piante

Posted on

3 April 2012 | 6:15 pm

Gli afidi, chiamati “pidocchi delle piante”, sono tra i parassiti più temuti del mondo vegetale. Si tratta di una specie di insetti appartenenti alla famiglia delle Aphidoidea e al genere Rhynchota. La loro pericolosità deriva dal fatto che le femmine di questi insetti hanno un’elevata capacità di riproduzione unita a un certo polimorfismo. Con questo termine si intende una differenziazione riproduttiva e morfologica che consente l’adattamento delle nuove generazioni anche a condizioni ambientali avverse. Gli afidi possono essere sia olifaghi che polifaghi, cioè possono nutrirsi di una sola specie o di più specie vegetali, ma non solo, possono anche attaccare solo specifiche parti della stessa pianta o parti diverse. Nel primo caso avremo il cosiddetto ciclo omotopo, mentre nel secondo, quello eterotopo.

afide1

afide2 Gli afidi hanno dimensioni di circa 4 millimetri , con corpo tozzo di colore verde, nero, giallo, rosa e testa e dorso più piccoli dell’addome. La loro principale caratteristica di polimorfismo è che possono essere sia con ali che senza ali. Gli individui privi di ali si chiamano atteri. Questi hanno il corpo ancora più piccolo e più tozzo di quelli alati. Quando sono presenti, le ali sono sottili, allungate e ricoperte da una lieve venatura a forma di rami. Gli afidi, in base alla specie polimorfa a cui appartengono, possono nutrirsi sia del parenchima della pianta che della linfa. La loro forma larvale e giovanile è rappresentata dalle neanidi che possono assumere caratteristiche genetiche diverse in base al modo in cui sono state generate. Il ciclo riproduttivo degli afidi può avvenire, infatti, sia per accoppiamento sessuale tra due individui di sesso opposto, che per via unisessuale, cioè solo ad opera delle femmine. La riproduzione unisessuale di alcune specie viventi viene detta “partenogenesi”. Gli afidi femmina, nati da un uovo fecondato, si chiamano fondatrici, sono senza ali e si riproducono attraverso la partenogenesi. Da questa possono nascere sia maschi che femmine, attere o alate. Queste ultime sono anche dette migranti perché permettono di propagare la popolazione di insetti su altre specie di piante ospiti, realizzando il ciclo riproduttivo eterotopo. Con la partenogenesi le femmine degli afidi possono generare anche più di 5 neanidi al giorno. Queste ultime, ancor prima di nascere, possono contenere altri embrioni in via di sviluppo. Le neanidi si sviluppano entro sette giorni ed iniziano immediatamente a nutrirsi della linfa vegetale.

  • Mimosa

    mimosa La mimosa, o meglio Acacia dealbata, ha origine nella zona del sud-est australiano e della Tasmania (in queste zone può raggiungere anche l’altezza di 20-25 metri). In Europa fu importata verso il 19…

  • Passiflora

    caerulea Il nome passiflora deriva dal latino e significa fiore della passione, questo perché alcune delle parti di questa pianta hanno una somiglianza con alcuni simboli religiosi della passione di Gesù. E’ u…

  • asparago

    asparago L’asparago è una pianta perenne. In tempi antichi veniva coltivato nel Medio Oriente, in Egitto e in Grecia, pare che in Europa la coltivazione sia iniziata verso il 1400 dove i maggiori produttori so…

  • Ninfea

    ninfea Il periodo migliore per la messa a dimora delle ninfee è aprile-maggio e va fatta nel momento in cui i rizomi abbiano prodotto almeno alcune foglioline. I rizomi delle ninfee si possono piantare diret…

afidi4Gli afidi colpiscono sia specie le legnose e arbustive che quelle erbacee. Le piante erbacee sono, però, degli ospiti secondari, perché le specie preferite dagli afidi sono proprio quelle arboree e con corteccia legnosa. Gli arbusti consentono agli afidi di resistere meglio alle basse temperature. Questi insetti si sviluppano, infatti, nei climi secchi e temperati. Purtroppo, i meccanismi di difesa e di riproduzione degli afidi stanno consentendo a questi insetti di adattarsi anche a condizioni climatiche avverse. Basta pensare che la riproduzione unisessuale avviene prevalentemente nei climi temperati, mentre quella sessuale o anfigonia permette di deporre uova particolarmente resistenti alle basse temperature. Le piante infestate dagli afidi sono la maggior parte di quelle agricole e la stragrande maggioranza, o meglio, la quasi totalità delle piante ornamentali da giardino e da appartamento, piante in vaso comprese. Da sottolineare che le infestazioni degli afidi sono accompagnate anche da quelle delle formiche, che proteggono gli afidi e ne favoriscono la riproduzione per via dell’ingente quantità di melata ( sostanza zuccherina) prodotta dai processi metabolici di questi insetti. Le parti della pianta che vengono attaccate dagli afidi sono la corteccia e le foglie. Il legno della corteccia funge da protezione per le uova fecondate, mentre le foglie possono essere colpite durante la migrazione degli insetti alati.

afidi3Gli afidi sono dotati di un apparato boccale succhiatore, pungente e inalatore che agisce in due modi: sottraendo linfa e sostanze nutritive alla pianta e inalando saliva all’interno del tessuto della pianta ( parenchima vegetale). Dopo aver iniettato la saliva, la pianta colpita subisce una sorta di infezione sistemica che la porta a ricevere anche dei virus contenuti nella stessa saliva dell’insetto. Questi virus non sono patogeni per l’afide, ma solo per la pianta. Anzi, l’insetto ha con i virus una specie di legame mutualistico e simbiotico poiché questi stimola la produzione di amminoacidi che favoriscono la moltiplicazione e la riproduzione degli afidi.

La sottrazione della linfa vegetale toglie energia alla pianta, che apparirà debole e appassita. La carenza linfatica impedisce alla stessa pianta di svolgere la fotosintesi, fattore che danneggia anche la colorazione delle foglie, facendole ingiallire, appassire e poi cadere, fino alla definitiva morte della specie vegetale colpita. La sottrazione della linfa rappresenta il principale danno diretto delle infestazioni degli afidi. Economicamente ed esteticamente gravi anche i danni indiretti degli afidi, ovvero quelli provocati dall’inalazione della saliva e dei virus all’interno del tessuto vegetale. I sintomi dei danni indiretti si manifestano con deformazioni, arrotolamenti fogliari e con la formazione di galle. Queste ultime sono dei veri e propri tumori vegetali provocati proprio dalle infestazioni di insetti e parassiti. Le sostanze tossiche assorbite dal tessuto vegetale creano una riproduzione eccessiva delle cellule della pianta, portando alla formazione di escrescenze che danneggiano la produttività e la qualità delle coltivazioni. Altri danni indiretti sono provocati dalla melata( la sostanza zuccherina secreta dagli afidi), che si deposita sulla superficie della pianta e causa ulteriori infestazioni ad opera di funghi, tra cui le fumaggini.

Gli afidi sono degli insetti ormai diffusissimi su qualsiasi specie di pianta. La loro elevata capacità di infestazione è, in parte, provocata dai mutamenti climatici che hanno fatto registrare un costante e sistematico rialzo delle temperature nel corso degli anni. Gli afidi prediligono, infatti, i climi temperati e secchi e trovano la loro collocazione ideale nelle aree mediterranee e nel Sud Italia, dove si assiste a inverni miti ed a clima arido e tendente alla siccità. Gli afidi hanno anche imparato ad adattarsi a condizioni sfavorevoli, come gli inverni rigidi, in cui depositano uova fecondate sulla corteccia degli alberi e in cui prevale la riproduzione sessuata. Nei climi temperati le afidi infestano prevalentemente quelle specie vegetali che si sviluppano proprio con temperature miti, come il carciofo, le rose e le cucurbitacee. Nelle rose, ad esempio, la schiusa delle uova avviene in primavera, mentre nelle cucurbitacee ( melone, zucca, cetrioli, ecc.) l’attacco avviene nei primi giorni di luglio, ad opera delle femmine alate. Queste attaccano anche la pianta del cotone. Altri fattori che stimolano la riproduzione degli afidi, l’eccesso di sostanze nutritive azotate presenti nella linfa primaverile. L’azoto favorisce, infatti, la riproduzione asessuata delle femmine. Un’ulteriore condizione che aiuta lo sviluppo degli afidi, gli eccessivi trattamenti chimici, che causano la nascita di nuove generazioni di afidi sempre più resistenti ai principi attivi dei fitofarmaci impiegati.

La prevenzione degli attacchi dell’ afide non è sempre facile da realizzare. Tuttavia, specie per le piante dell’orto e del giardino, si possono usare alcuni accorgimenti utili a limitare la comparsa di questo fastidioso insetto. E’ risaputo che le formiche proteggono gli afidi e li trasportano da una pianta all’altra poiché si nutrono delle loro sostanze zuccherine, per cui, se in giardino compaiono le formiche, è probabile che prima o poi arrivino anche gli afidi. La strategia per evitare il conseguente attacco di questi parassiti consiste nell’eliminazione delle formiche, che si possono tenere lontane con antiparassitari naturali a base di ortica. Un’altra tattica preventiva contro le afidi è la pacciamatura, ossia coprire il terreno con un po’ di paglia o con un telo di plastica al fine di determinarne il surriscaldamento, che impedisce gli attacchi dei parassiti e la crescita delle erbe infestanti. Questa tecnica è da evitare se la temperatura è già elevata perché potrebbe far appassire le piante. Nei sistemi di coltivazione agraria, la modifica delle temperature e la riduzione delle sostanze nutritive alla pianta nel periodo estivo, possono dimezzare o azzerare le colonie di afidi.

Il controllo degli afidi avviene sia con la lotta biologica che con quella chimica. Quest’ultima non sempre si rivela efficace per via dell’elevata resistenza sviluppata dalle generazioni di afidi che man mano vengono messe al mondo. Gli antiparassitari chimici usati per gli afidi sono il Thiaclorid,

l’ Acetamiprid e il Thiamethoxam. Da alcuni studi sperimentali condotti dalle case produttrici di fitofarmaci e antiparassitari, sembra che solo il Thiaclorid si sia rivelato efficace per prevenire la ricomparsa di afidi nelle piante attaccate leggermente, mentre in quelle con infestazione grave, il prodotto è risultato efficace per l’85% degli afidi. Gli altri due antiparassitari non hanno avuto gli stessi risultati, combattendo solo il 60% degli afidi infestanti. Migliori risultati si riscontrano con la lotta biologica che si serve di predatori naturali degli afidi, come le coccinelle, la crisopa, larve di ditteri, neurotteri, imenotteri, varietà di cimici e alcune specie di uccelli, come rondini e capinere. Gli afidi si difendono dai predatori usando dei tubi chiamati sifoni che secernono una sostanza fluida in grado di paralizzare gli arti e la bocca del predatore. La lotta più efficace contro gli afidi è, dunque, quella integrata, usando in combinazione antiparassitari e predatori naturali. Gli antiparassitari devono contenere principi attivi selettivi, cioè specifici per le afidi, e non vanno mai usati in via preventiva, ma solo dopo la comparsa dell’infestazione.


  • afidi


    afidi

    Gli afidi sono una grande famiglia di insetti patogeni delle piante. Ne esistono circa 4000 specie classificati in 10 fa
    visita : afidi



Alphakey