Avocado – piante da frutto

Posted on

16 October 2012 | 8:40 am

L’avocado un albero tropicale che si caratterizza per appartenere al genere dei sempreverde, che provenuto dall’America Centrale.Si tratta di un frutto la cui coltivazione avviene sopratutto nella parte tropicale del mondo: stiamo parlando, come si pu facilmente intuire, di America settentrionale e meridionale, ma anche dell’Africa, Australia, Asia, Nuova Zelanda e nel bacino del Mediterraneo.Questo albero tropicale si caratterizza per avere una chioma particolarmente densa e fitta, dallo sviluppo tondeggiante e con un fusto eretto: per quanto riguarda lo sviluppo, si tratta di una pianta che pu contare su una buona longevit, dal momento che pu arrivare fino ad un’altezza massima pari a 9-18 metri durante gli anni.Il fogliame dell’albero tropicale si caratterizza per avere una forma ovale, dalla colorazione verde scuro, ma anche molto lucido e liscio, con un aspetto decisamente ceroso.I fiori della pianta di avocado si caratterizzano per svilupparsi nella prima parte della stagione primaverile fino alla tarda stagione estiva.L’avocado una pianta che presenta dei fiori dalle dimensioni estremamente ridotte, ma si caratterizzano anche per essere poco appariscenti, oltre al fatto di svilupparsi all’interno di racemi in cui si formano a migliaia.La fioritura dell’avocado si caratterizza per avere una durata piuttosto elevata, mentre per la maturazione si comincia dalla stagione estiva fino al termine della stagione autunnale.I frutti di avocado si caratterizzano per essere delle vere e proprie drupe, che hanno una forma simile a quella di pere, ma con una dimensione maggiore.I frutti di avocado possono raggiungere una lunghezza compresa tra 10 e 25 centimetri, con una colorazione che pu variare notevolmente, a partire dal verde scuro fino al porpora scuro.Per quanto riguarda la buccia, ci sono due possibilit: le drupe, infatti, possono essere lisce oppure rugose, mentre la polpa sempre piuttosto compatta e anche particolarmente dolce, con una spiccata colorazione giallastra, che in alcuni casi tende al verde chiaro.La maturazione dei frutti di avocado non si verifica nel momento in cui rimangono attaccati alla pianta, visto che nella maggior parte dei casi hanno bisogno di diverse settimane per la maturazione prima di poter essere raccolti.In natura possiamo trovare decine e decine di variet di questa pianta tropicale: nella maggior parte dei casi, si tratta di variet che presentano dei frutti dalle dimensioni particolarmente generose, ma al tempo stesso anche particolarmente saporiti.Nel momento in cui le piante di avocado vengono coltivate all’interno dei frutteti si utilizza un piccolo accorgimento per poter migliorare l’impollinazione: infatti, nella maggior parte dei casi, vengono poste a dimora ben due variet differenti di avocado.Gli avocado sono dei frutti che vengono consumati, nella maggior parte dei casi, quando sono ancora crudi, dal momento che spesso si possono trovare all’interno di insalate e salse, ma vengono sfruttati anche in molti casi per la preparazione di speciali ricette che provengono dal Centro America.
avocado1

avocado2 Le piante di avocado si sviluppano meglio all’interno di luoghi piuttosto soleggiati, mentre possono contare su un buon livello di resistenza nei confronti delle brevi e poco consistenti gelate, nonostante il consiglio quello di coltivare queste piante tropicali in luoghi che non siano coinvolti dal gelo e, in modo particolare, dai venti freddi, che potrebbero avere come conseguenza principale quella di provocare la perdita di tutti i frutti.

Le piante di avocado vengono coltivate, nella maggior parte dei casi, anche alla stregua di vere e proprie piante da appartamento in vaso: ecco spiegato il motivo per cui, in questa occasione, sufficiente evitare delle annaffiature eccessive, mentre si suggerisce anche di provvedere a vaporizzare spesso il fogliame.La pianta di avocado in grado di svilupparsi con buoni risultati sulla maggior parte dei terreni, a condizione, per, che abbiano un ottimo drenaggio. Infatti, queste piante da frutto non prediligono certamente uno sviluppo su terreni troppo acidi o argillosi, dal momento che amano quei terreni piuttosto sciolti e che possono contare su una buona quantit di materia organica al loro interno.Tra i principali pericoli per queste piante da frutto, troviamo senza ombra di dubbio il marciume radicale e la possibilit che sul colletto si diffondano muffe o funghi, sopratutto per via dell’eccesso di annaffiature e dell’acqua stagnante.Nel momento in cui vengono coltivate, queste piante da frutto subiscono, nella maggior parte dei casi, degli attacchi provenienti da insetti defogliatori e da mosche della frutta.Infine, la moltiplicazione avviene, nella maggior parte dei casi, per seme: infatti, i semi, dalle dimensioni piuttosto notevoli, sono contenuti nei frutti e possono contare su una breve germinabilit.

  • Semi di avocado

    pianta di avocado La pianta dell’avocado una di quelle che rientrano nella famiglia delle Lauracee: si tratta di una specie che proviene dall’America Centrale, dal Messico, dal Guatemala e dalle Isole Antille.Si tr…

  • Frutti tropicali

    Fichidindia I frutti tropicali, come si evince dal loro nome, sono prodotti da piante originarie della zona tropicale e subtropicale del mondo. Questi frutti, per noi pi o meno esotici, sono esportati in tutto i…

  • Pianta di avocado

    Albero di avocado con frutti La pianta di avocado originaria dei paesi dell’America Centrale. Attualmente diffusa anche nei paesi pi caldi del bacino Mediterraneo, in Florida e in California. Appartiene alla famiglia delle l…

  • Avocado coltivazione

    Avocado in vaso Si sempre di pi ci avviciniamo alla domanda, possibile coltivare avocado nel proprio giardino, in vaso sul balcone? la risposta si, la coltivazione di avocado possibile con le giuste attenzioni…

La pianta di avocado si caratterizza per essere una pianta che presenta uno sviluppo piuttosto rapido, visto che giunge in circa tre anni, affrontando delle condizioni climatiche normali, alle dimensioni che un agrume tradizionale raggiunge in soli dieci anni.

Le piantine di avocado innestate con fitocella si caratterizzano per poter essere poste a dimora sia nel corso della stagione autunnale che durante gli ultimi giorni della stagione invernale e i primi di quella primaverile.La tendenza del momento quella di puntare su dei sesti dinamici da 5 metri x 4, che permettono di ricavare dei sesti definitivi da 5 metri x 8.Sono diversi i vantaggi connessi all’utilizzo dei sesti dinamici e si possono riassumere, in modo particolari, con dei costi di lavorazione decisamente pi convenienti, con un pi elevato rendimento per ettaro e con un migliore uso della superficie nel corso della prima parte della coltivazione.La pianta di avocado ha la necessit di ricevere degli interventi cesori piuttosto limitati, che si devono effettuare a partire dopo diverso tempo dallo sviluppo dell’avocado e, poi di volta in volta per poter sfoltire la vegetazione.Le spese di impianto pareggiano i costi che sono necessari a sostenere un impianto di un agrumeto.Invece, le spese connesse alla produzione di un avocadeto sono, in totale, decisamente pi limitate in confronto ai costi che si devono sostenere per la produzione di un agrumeto.Per quanto concerne la quantit di acqua necessaria, in media, necessario riferirsi alle esigenze d’acqua che caratterizzano un agrumeto e sfruttare le medesime quantit anche per un avocadeto.

Sono tre le principali razze o variet botaniche: stiamo parlando della messicana, dell’antillana e della guatemalteca.

Le principali differenze fra queste tre razze sono rappresentate certamente da diverse caratteristiche delle foglie, come ad esempio, all’interno dei germogli possiamo trovare diversi caratteri verdi (in particolar modo all’interno della razza messicana e di quella antillana), mentre troviamo dei caratteri bronzato-viola all’interno dell’ultima razza guatemalteca.Non dobbiamo dimenticare come, spesso, solamente nella razza messicana troviamo un caratteristico profumo di anice.Nelle variet che vengono coltivate al giorno d’oggi, non troviamo queste caratteristiche molto ben definite, sopratutto all’interno delle variet ibride.Le cultivar di avocado si caratterizzano che sono maggiormente diffuse si caratterizzano per il fatto che l’autofecondazione, nella maggior parte dei casi, impossibile o quasi, nonostante spesso possano contare su dei fiori ermafroditi.Per quanto concerne la biologia floreale, le cultivar di avocado si differenziano sostanzialmente in due categorie: nel primo gruppo possiamo trovare, tra le caratteristiche principali, il fatto di avere una recettivit del pistillo nel corso della mattinata, mentre le antere risultano piegate e il polline non in grado di eseguire la fecondazione. All’interno del secondo gruppo, invece, si verifica esattamente la situazione contraria, dal momento che per ottenere la produzione, necessario che siano presenti delle variet appartenenti ad entrambi i gruppi.Le variet che si possono pi facilmente trovare in commercio sono, ad esempio, Ettinger e Fuerte (che sono anche quelle maggiormente comuni), che possono contare su una forma decisamente allungata ed una buccia piuttosto sottile, dalla colorazione verde brillante.La variet Nabal presenta, invece, una forma decisamente pi tondeggiante, senza dimenticare ovviamente uno spessore maggiore della buccia e una polpa che pu contare su un sapore particolarmente delicato.La variet Hass presenta, invece, una buccia decisamente pi ruvida che, durante la fase della maturazione, si trasforma da una colorazione verde ad una pi tonalit pi scura: proprio questa variet viene ritenuta dalla maggior parte degli esperti decisamente pi saporita.Il livello di salinit dell’acqua che viene scelta per irrigare la pianta di avocado va a caratterizzare sopratutto la decisione su quale portainnesto puntare: importante evidenziare che, nel momento in cui ci sia una bassa salinit, si deve puntare su una razza messicana, mentre con un grado elevato di salinit, si dovr scegliere una razza antillana.

La raccolta dei frutti della pianta di avocado parte nel momento in cui termina il mese di ottobre e coincide spesso anche con i primi giorni del mese di novembre.

La raccolta dei frutti, invece, si tiene fino, in pratica, ai mesi di marzo ed aprile, in particolar per tutte le raccolte tardive.Dando un’occhiata alle rese, invece, dobbiamo sottolineare come, nel caso in cui vengano utilizzati degli ottimi cloni di Hass su un apposito portainnesto, le produzione, sempre considerate ad ettaro, sono comprese tra un minimo di 10 fino ad un tetto massimo di 20 tonnellate.Il peso di ciascun frutto compreso, invece, tra 200 e 500 grammi, sopratutto varia in relazione alla variet di avocado che viene presa in considerazione.L’avocado giunge ad una maturazione completa nel momento in cui, una volta che viene semplicemente toccato con le dita, di consistenza morbida.L’avocado viene utilizzato, nella maggior parte dei casi, alla stregua di un ortaggio pi che di un vero e proprio frutto.


Alphakey

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *