cardo santo – fitoterapia

Posted on

19 July 2011 | 12:54 pm

Il cardo santo una pianta erbacea biennale spinosa che, nel corso del primo anno di vita, riesce a produrre una rosetta di foglie, mentre durante il secondo anno produce lo scapo floreale, che pu raggiungere un’altezza anche pari ad un metro e mezzo.Le foglie del cardo santo possono vantare una lunghezza compresa tra trenta e quaranta centimetri, con una superficie macchiata di bianco, mentre presentano un colore verde lucente e dei bordi spinosi e dentati.Le foglie inferiori, invece, sono picciolate, mentre quelle che appartengono al fusto sono molto meno dentate.I fiori sono rappresentati da delle ligule riunite al centro di capolini, caratterizzati da un tradizionale color porpora e circondati da brattee spinose.Il nome scientifico del cardo santo Silybum marianum e appartiene alla grande famiglia delle Asteracee.
cardo santo
Balsamo del cavallo riscaldante extra forte, Gel da massaggio per riscaldamento Cura del corpo con extra forte Effetto, contiene Estratti in foglie di vite rossa, Ippocastano, Melisse, Camomilla, Luppolo, Valeriana, Millefoglie, Vischio e Finocchio "Vegetale" 500ml Barattolo con Pellicola in alluminio sigillata Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,99€

cardo santo2La parola Silybum deriva dal greco silybon che stava a significare un cardo che presenta delle foglie screziate. Il nome cardo santo, invece, fa riferimento essenzialmente alla leggenda secondo cui le macchie bianche che si trovano sulle foglie, sarebbero state originate dalle gocce di latte della Vergine Maria, nel momento in cui stava cercando di nascondere e proteggere il figlio Ges dai romani, proprio nel corso della fuga verso l’Egitto.

  • Camomilla romana

    camomilla romana La pianta di camomilla romana fa parte della famiglia delle Asteracee e il suo nome scientifico Anthemis nobilis L..Si tratta di una pianta erbacea poliennale che presenta un fusto estremamente …

  • carciofo

    carciofo Il carciofo una pianta perenne che si sviluppa, di solito, nelle zone mediterranee e che cresce spontaneamente in tutti quei luoghi caratterizzati da temperature particolarmente elevate.Fin dal qu…

  • castagno

    castagno Il castagno una pianta originaria del Mediterraneo ed estremamente diffusa lungo tutto il territorio italiano, sopratutto nelle Alpi e negli Appennini, in particolar modo tra i 300 e i 1000 metri….

  • cavolo

    cavolo Il cavolo, il cui nome scientifico Brassica oleracea L. una pianta originaria del bacino del Mediterraneo e che fa parte della famiglia delle Cruciferee.Gran parte dei cavoli vengono coltivati…

Il cardo santo, che viene anche chiamato con il nome di cardo benedetto, si caratterizza per essere utilizzato in tutti quei casi in cui necessario contrastare l’inappetenza o dei disturbi dispeptici, dato che per merito della sua particolare azione amaro-tonica, riesce a svolgere una funzione stimolante, per via riflessa, della secrezione gastrica, in maniera tale da semplificare e favorire i processi digestivi.

I suoi principi amari, che ricordano un po’ quelli che caratterizzano il carciofo (ma in realt sono estremamente pi potenti) e sono fortemente coleretici e colagoghi.La pianta del cardo santo presenta al suo interno flavonoidi, acidi grassi, silimarina, linoleico, oleico e palmitico, proteine e mucillagini.Si tratta di una pianta che in grado di esercitare un’azione emmenagoga, astringente, colagogo, stimolante, diuretica, ermetica, tonica ed epatoprotettrice.Le radici presentano, invece, delle ottime propriet diuretiche e febbrifughe, mentre le foglie si caratterizzano per avere delle ottime propriet aperitive.La parte pi importante di questa pianta rappresentata dai semi che, con il loro contenuto di silimarina, permettono di svolgere un’azione protettrice, disintossicante e curativa del fegato.Inoltre, diversi studi sono riusciti a dimostrare anche che la silimarina svolge una funzione antagonista su un gran numero di sostanze epatotossiche come la falloidina e l’alfa-amanitina.Negli ultimi anni, numerose ricerche e studi hanno portato a conoscenza del fatto che la pianta di cardo santo pu vantare un’attivit antisettica che ne consente l’uso come detergente e cicatrizzante per combattere le ulcere e le piaghe.L’utilizzo del cardo santo ovviamente limitato dal suo forte sapore amaro che caratterizza tutti gli infusi che vengono preparati con questa pianta e presenta una particolare controindicazione nei confronti di tutte quelle persone che soffrono di infiammazioni a livello renale ed intestinale.

Per fare in modo di sviluppare nel migliore dei modi tali propriet amaro-toniche ed eupeptiche che caratterizzano la pianta di cardo santo, sempre che le preparazione vengano assunte una mezz’ora prima di ogni pasto e debbano essere sorseggiate piuttosto lentamente, proprio per consentire lo sviluppo di un’azione riflessa mediante la stimolazione dei recettori gustativi.

Si pu anche ricavare un liquore di cardo santo: la preparazione ricalca quella di tutti gli altri liquori.In pratica, la parte superiore dei fiori e dei fusti di cardo santo viene liberata dalla scorza, ma in particolar modo le radici devono essere messe in infusione alcolica a freddo con la tradizionale aggiunta di zucchero o miele.In seguito ad un adatto periodo di decantazione e invecchiamento, il consiglio quello di consumare il liquore di cardo santo alla fine dei pasti.Per la preparazione del vino al cardo santo, invece, necessario provvedere alla macerazione, per un periodo di almeno cinque giorni, di 30 g di cardo santo in un litro di vino bianco. Si tratta di un vino che deve essere assunto prima dei pasti, dato che ha un effetto aperitivo, mentre nel momento in cui viene assunto a met mattina o a met del pomeriggio presenta un effetto tonico.

Nel corso del quindicesimo secolo la pianta del cardo santo era molto diffusa, tanto che ne parl addirittura anche Shakespeare e veniva utilizzata come un ottimo rimedio per contrastare la palpitazione.

Questa pianta veniva considerata come un vero e proprio tesoro dei poveri e una panacea, al contrario, per i padri di famiglia.Gli antichi, per, non hanno lasciato ai posteri alcun tipo di menzione: si cominci a parlare di questa pianta dalla met del 1400, sopratutto dal periodo in cui viene portata dalle Indie e venne data in dono a Federico III, come sovrano rimedio per combattere l’emicrania: si dice che il vantaggio che ottenne l’imperatore ammalato, le diede il meritato predicato di benedetto.

Guarda il Video



Alphakey