cavolo – fitoterapia

Posted on

19 July 2011 | 1:15 pm

Il cavolo, il cui nome scientifico Brassica oleracea L. una pianta originaria del bacino del Mediterraneo e che fa parte della famiglia delle Cruciferee.Gran parte dei cavoli vengono coltivati sul territorio italiano (come ad esempio la specie cavolfiore), possono vantare un notevole consumo sul mercato interno ed alimentano un’elevata esportazione.Il nome Brassica deriva dal nome latino del cavolo.Nel caso in cui si consideri il cavolo da foglie, importante sottolineare come venga sfruttato unicamente per la nutrizione del bestiame, ma da questo sono state ricavate, nel corso degli anni, diverse variet ornamentali, in cui assente la testa.
cavolo

cavolo2Il cavolo si caratterizza per essere una pianta che pu essere coltivata nel proprio giardino lungo tutto l’anno.

Si tratta di una pianta che non teme in modo particolare il freddo e riesce a sopportare anche delle temperature minime che scendono sotto lo zero.C’ la possibilit di ottenere dei prodotti, dal proprio orto, anche nel corso dei periodi pi freddi che caratterizzano le stagioni invernali.Per poter garantire uno sviluppo ottimale, si consiglia di posizionare la pianta di cavolo in un luogo in cui riesce a ricevere i raggi diretti del sole.Il cavolo una pianta annuale o biennale, ma non sempreverde; inoltre presenta uno sviluppo strisciante e tappezzante.Nel corso della stagione primaverile, si suggerisce di lavorare a fondo il terreno che caratterizza l’orto, in modo tale da poter arricchire il terreno e migliorarne l’impasto.Dal punto di vista dell’annaffiatura, si deve bagnare l’orto per svolgere una funzione preventiva nei confronti di malattie fungine piuttosto comuni, come ad esempio l’oidio.Il cavolo si deve coltivare in un terreno estremamente soffice e sciolto, con un ottimo livello di drenaggio.

  • Camomilla romana

    camomilla romana La pianta di camomilla romana fa parte della famiglia delle Asteracee e il suo nome scientifico Anthemis nobilis L..Si tratta di una pianta erbacea poliennale che presenta un fusto estremamente …

  • carciofo

    carciofo Il carciofo una pianta perenne che si sviluppa, di solito, nelle zone mediterranee e che cresce spontaneamente in tutti quei luoghi caratterizzati da temperature particolarmente elevate.Fin dal qu…

  • cardo santo

    cardo santo Il cardo santo una pianta erbacea biennale spinosa che, nel corso del primo anno di vita, riesce a produrre una rosetta di foglie, mentre durante il secondo anno produce lo scapo floreale, che pu r…

  • castagno

    castagno Il castagno una pianta originaria del Mediterraneo ed estremamente diffusa lungo tutto il territorio italiano, sopratutto nelle Alpi e negli Appennini, in particolar modo tra i 300 e i 1000 metri….

Tutte le variet di cavolo presentano al loro interno un elevato quantitativo di vitamina C (che per viene distrutta in modo parziale dopo la cottura), ma anche acido folico, fibra, potassio e diverse sostanze particolari che hanno uno specifico effetto antitiroideo e protettivo nei confronti dei tumori che vanno a colpire l’intestino.

I cavoli sono prevalentemente degli alimenti particolarmente sazianti e poveri di grassi e, per tale ragione, risultano estremamente utili all’interno di un’alimentazione ipocalorica, senza dimenticare che fanno in modo di apportare fibre ricche di cellulosa, molto efficaci ed utili per l’intestino.

I cavoli sono delle verdure estremamente ricche di propriet benefiche per il nostro organismo e per il benessere del corpo umano, dato che consentono sostanze importanti, come ad esempio minerali e vitamine C, B, PP, provitamina A e molto altro ancora.

Proprio per via dell’elevato quantitativo di isotiocianati presente, si possono riscontrare anche propriet antiossidanti e anti cancro.Dato che vi un’ottima presenza di tiocianati, i cavoli sono in grado di svolgere un’azione di protezione nei confronti delle cellule, ma anche di contrasto nei confronti dei radicali liberi e proteggere le stesse cellule da pericolose patologie, in modo particolare di tipo tumorale e cardiovascolare.Si tratta di verdure che si caratterizzano anche per presentare importanti propriet emollienti, vermifughe, cicatrizzanti e diuretiche e risultano estremamente adatte anche alla dieta ipocalorica, dato che contengono una percentuale minima di calorie.Inoltre, vista la presenza particolarmente ridotta di zuccheri semplici, i cavoli si caratterizzano per essere particolarmente utili per tutte quelle persone che soffrono di diabete, dato che non contengono glutine e sono estremamente utili anche per i celiaci.Non si consiglia il consumo di cavoli a tutte quelle persone, invece, che soffrono di ipotiroidismo, per il semplice fatto che presentano al loro interno sostanze che svolgono un’azione di disturbo nei confronti dell’assorbimento dello iodio.

Tra le pi importanti variet di cavoli, troviamo indubbiamente il broccolo, il cavolfiore, le verze e i cavoli di Bruxelles.

Il cavolo broccolo viene consumato sopratutto nelle sue infiorescenze, che sono caratterizzate da un tipico colore verde intenso.I cavoli broccolo hanno la particolare caratteristica di avere propriet depurative, ma anche notevoli propriet emollienti, antianemiche e cicatrizzanti.Per quanto riguarda il cavolfiore, vengono consumati i peduncoli floreali bianchi: si tratta di parti che possono vantare una grande ricchezza di vitamina C e di sali minerali, nonch di acido folico, e sono in grado di combattere l’azione dei radicali liberi.Il cavolfiore una verdura che riesce a rendere pi forti le difese immunitarie e si dimostra particolarmente utile per contrastare la stipsi, per merito dell’elevato contenuto di fibre.I cavolini di Bruxelles si caratterizzano, al contrario, per contenere un ottimo quantitativo di vitamina E, mentre il cavolo verza ricco di vitamina E e minerali essenziali, che svolgono un’azione benefica nei confronti della digestione.

Guarda il Video



Alphakey