Ciliegio potatura – potatura – Come potare il ciliegio

Posted on

7 November 2012 | 6:19 pm

Il ciliegio è un albero che non ama essere potato. Se fosse una persona e potesse parlare potremmo certamente affermare che direbbe un secco “no” a qualsiasi intervento di taglio delle sue parti vegetali. Eppure, nonostante questa peculiarità, il ciliegio continua ad essere potato, ovvero tagliato in alcune strutture determinanti per lo sviluppo e la crescita della pianta. La potatura del ciliegio viene praticata per finalità ornamentali e produttive. L’albero di ciliegio viene sovente coltivato in giardino, dove la sua crescita, specie nei primi anni, può apparire disordinata e confusa richiedendo degli interventi di miglioramento della struttura della pianta. L’albero adulto viene invece potato per fini produttivi, cioè per aumentare la quantità e la qualità dei frutti. Ricordiamo che i frutti del ciliegio sono delle drupe, cioè le famose ciliegie che all’inizio dell’estate tutti noi gustiamo come prelibata delizia di stagione. La potatura del ciliegio è quindi utile, ma non necessaria per la buona salute dell’albero. Nei prossimi paragrafi approfondiremo proprio queste tecniche di potatura.

ciliegio

ciliegio Il ciliegio è un albero appartenente alla famiglia delle Rosaceae. Alto da 15 a 30 metri, l’albero di ciliegio è originario del Medio Oriente e dell’Europa. Il legno del ciliegio, dalla colorazione rossastra, viene ampiamente utilizzato per produrre mobili e strumenti musicali. L’albero tutto intero può stare benissimo in un giardino, mentre le piantagioni di ciliegio servono proprio a produrre e commercializzare le ciliegie, frutti prelibati dell’albero ed attualmente anche molto costosi. La resa ornamentale del ciliegio, come già detto, viene garantita dalla potatura di formazione, mentre la resa produttiva viene favorita dalla potatura di produzione. Entrambi gli interventi vanno eseguiti in maniera delicata e tramite accorciamenti, mentre sono da evitare i tagli di eliminazione, i quali indeboliscono il legno della pianta causando la fuoriuscita di un gel che impedisce la cicatrizzazione delle ferite. Il ciliegio, dunque, soffre molto la potatura, che va praticata in maniera molto lieve e delicata.

  • periodo potatura ciliegio

    periodopotaturaciliegio Fanno le loro prime apparizioni tra maggio e giugno e dopo la raccolta allietano le tavole di tutti noi. Stiamo parlando delle ciliegie, lussureggianti frutti del ciliegio, albero appartenente al gen…

potare il ciliegio La potatura di formazione viene effettuata nei primi anni di vita dell’albero, dal primo al quarto anno. Gli interventi servono a migliorare la struttura scheletrica della pianta e ad impedire una crescita confusa e disordinata. La potatura di formazione va effettuata durante la stagione vegetativa della pianta, tra la primavera e l’inizio dell’estate. Durante il primo anno si eliminano tutti i fiori e si accorciano i rami più lontani dalla chioma dell’albero; nel secondo anno si tolgono le gemme dai rami accorciati nel primo anno e si accorciano i rami della parte centrale della chioma, sotto la prima gemma. Nel terzo e quarto anno si accorciano nuovamente i rami periferici ( quelli lontani dalla chioma dell’albero) e quelli centrali.

potare il ciliegio La potatura di produzione va effettuata sul ciliegio adulto e sulla pianta con almeno cinque anni di età, periodo in cui l’albero inizia a fruttificare. La potatura di produzione si effettua a fine estate o a fine inverno, cioè lontano dal periodo vegetativo in cui la pianta produce fiori o frutti. La scelta del periodo di potatura dipenderà dalla condizione climatica della zona in cui il ciliegio viene coltivato. Nelle aree soggette a forti gelate è meglio intervenire a fine estate. La potatura di produzione non incide molto sulla quantità e qualità dei frutti, ma consente di mantenere stabile la crescita vegetativa della pianta e di facilitare le operazioni di raccolta delle ciliegie. La potatura di produzione si pratica effettuando un taglio di ritorno, cioè di accorciamento sui rami laterali più piccoli, perché quelli grossi faticherebbero a cicatrizzare rimanendo esposti agli attacchi di funghi e parassiti. La potatura tramite accorciamento dei rami si spiega con il fatto che il ciliegio fruttifica sui rami degli anni precedenti e tutti i rami vecchi mantengono una produzione pressoché costante. Questi rami vanno però trattati per non soccombere al passare del tempo. Gli interventi da attuare sui rami vecchi sono l’eliminazione di quelli secchi e quindi improduttivi, l’eliminazione di quelli che si incrociano all’interno della chioma e accorciamento dei rami laterali più piccoli al di sotto di un altro ramo che emetterà nuovi getti al posto di quello tagliato.

Il taglio di accorciamento dei rami del ciliegio deve avvenire in posizione inclinata, in modo da evitare l’accumulo di acqua piovana sulla ferita. Questa va immediatamente protetta con mastice, per evitare la fuoriuscita di una sostanza gommosa che indebolisce l’albero esponendolo agli attacchi degli agenti patogeni. Il taglio deve essere delicato, ma netto e preciso, senza sbavature. Gli attrezzi di taglio vanno puliti e disinfettati, sia prima che dopo la potatura. Le lame degli attrezzi per tagliare i rami del ciliegio devono essere ben affilate, in modo da garantire una potatura precisa e senza errori. In caso di inesperienza è meglio affidare la potatura del ciliegio a un giardiniere esperto, perché i tagli imprecisi creano delle sbavature del legno che possono impedire la cicatrizzazione delle ferite e causare l’ingresso nella pianta di parassiti e funghi altamente dannosi per la salute e la sopravvivenza del ciliegio.

Guarda il Video



Alphakey

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *