elementi nutritivi – botanica

Posted on

20 April 2012 | 5:59 pm

Gli elementi nutritivi sono quelle sostanze indispensabili allo sviluppo della pianta ed al suo mantenimento. La botanica individua circa sessanta sostanze nutritive adatte allo sviluppo e alla sopravvivenza di qualsiasi specie di piante, anche se nella pratica del giardinaggio e nellagricoltura si possono individuare 12 elementi nutritivi utili al completamento di molte funzioni metaboliche delle specie vegetali. Tra questi 12 elementi troviamo composti organici e minerali contenuti anche nei concimi di sintesi che consentono di dosare correttamente le proporzioni delle varie sostanze necessarie allo sviluppo delle piante coltivate.

elementinutritivi

Gli elementi nutritivi essenziali per le nostre piante si formano dalla decomposizione di sostanze organiche, dal contatto delle sostanze inerti del terreno e dal dilavamento della pioggia che ne consente lassorbimento da parte delle radici vegetali. Quando le piante sono coltivate in spazi ristretti, bisogna somministrare dallesterno queste sostanze nutritive che, per il grado di importanza che rivestono nello sviluppo delle specie vegetali, vengono classificate in macroelementi primari( azoto, fosforo e potassio); macroelementi secondari (calcio, ferro, magnesio e zolfo) e microelementi ( boro, molibdeno, manganese, zinco e rame).

I macroelementi principali, come azoto, fosforo e potassio, sono degli elementi nutritivi fondamentali per la crescita della pianta e per lespletamento delle sue funzioni metaboliche e vegetative. Lazoto, ad esempio, favorisce laccrescimento della pianta da quando viene messa a dimora a quando diventa adulta; il fosforo stimola la fioritura e la maturazione dei frutti; il potassio migliora la qualit dei frutti e aiuta la pianta a resistere al freddo e alle malattie. Una carenza di questi macroelementi principali causa necrosi fogliare, arresto dello sviluppo della pianta, ingiallimento e secchezza.

I macroelementi secondari, come il calcio, rinforzano la pianta, mentre il ferro e il magnesio sono componenti fondamentali della clorofilla, usata dalle piante per compiere la fotosintesi. Lo zolfo stimola la sintesi vegetale delle proteine regalando un buon sapore ai frutti. La carenza dei macroelementi secondari determina ingiallimento o clorosi fogliare. Alcuni di questi elementi vanno dosati con attenzione. Per il calcio bisogna tener conto del tipo di terreno e di pianta coltivata. Alcune piante a fiore ornamentali ( azalee, gardenie, camelie, ecc.) sono dette acidofile perch non hanno eccessivo bisogno di calcio.

I microelementi, anche se non indispensabili alla nutrizione della pianta, consentono di regolarne la crescita e di espletare al meglio le sue funzioni metaboliche. Il manganese e il rame sono dei costituenti della clorofilla. Il molibdeno interviene nella crescita e nello sviluppo della pianta. Una carenza di questo minerale causa la formazione di piante pi piccole del normale. Il boro aiuta la formazione dei semi, dei fiori e dei frutti. Utile per la formazione dei semi anche lo zinco.


Alphakey

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *