Esculenta – Piante Acquatiche

Posted on

12 August 2010 | 11:42 am

La colocasia esculenta, o taro, è una pianta perenne proveniente dalle isole del Pacifico e diffusa soprattutto nelle zone tropicale. E’ coltivata in modo particolare in Nigeria, Ghana, Cambogia, Costa d’Avorio. La colocasia esculenta è coltivata anche come pianta d’appartamento e, nelle regioni con clima temperato, può essere posizionata anche sulle rive di laghetti o altri specchi d’acqua; può arrivare ad un’altezza di un metro e mezzo. Le foglie di questa pianta hanno forma di cuore allungato, sono di grandi dimensioni e particolarmente decorative, quasi sempre presentano un contorno ondulato. Le infiorescenze della colocasia esculenta sono formate da una spiga composta da fiori circondata da una brattea. La colocasia esculenta presenta dei tuberi simili alla patata e con i rizomi viene prodotta una farina; questi rizomi possono avere colore rosso oppure bianco e sono caratterizzati da un sapore molto particolare che può essere apprezzato oppure no, la polpa si presenta di colore rossiccio oppure chiaro.

foto della colocasia

La colocasia esculenta preferisce un clima temperato con temperature tra i diciotto e i venticinque gradi, gradisce buona luminosità ma non sole diretto. E’ opportuno non posizionarla vicino a caloriferi e in zone di forte vento. In estate può essere messa all’esterno in una vasca ornamentale, in inverno andrebbe riparata o coltivata in serra.

  • Piante sommerse

    Echinodorus Le piante sommerse sono così nominate in quanto vivono completamente sott’acqua; possono avere un apparato di tipo tuberoso oppure rizomatoso non molto grande utilizzato soprattutto per tenersi salde …

  • Begonia dragon

    begonia grandis Le begonie sono delle belle piante ornamentali apprezzate per i colori e le forme dei fiori e delle foglie. La begonia appartiene al genere Begonia, di cui fanno parte circa 1000 specie e alla famigli…

  • Fiori a bulbo

    Allium christophii Tra i fiori a bulbo i più conosciuti sono indubbiamente i tulipani. La loro fama risiede soprattutto nel caleidoscopico vestito di questi fiori, che abbraccia tutte le sfumature dell’arcobaleno. Molte…

  • Rosa fiore

    Il fiore della rosa La rosa è un fiore affascinante e pieno di significato. La sua coltivazione è piuttosto semplice, per questo motivo adorna molti giardini e balconi. Appartiene alla famiglia delle “rosacee” prevalente…

Il terreno più consono alla colocasia esculenta è ricco di sostanza organica, soffice e molto ben drenato.

La messa a dimora della colocasia esculenta va effettuata nel periodo primaverile o autunno utilizzando un terriccio fertile che mantenga l’umidità per un periodo prolungato. Per quanto riguarda il rinvaso, andrà fatto ogni circa due-tre anni sostituendo il vaso precedente con uno di dimensioni poco maggiori.

Come detto in precedenza, la colocasia esculenta necessita di un terriccio sempre umido, dovremo quindi annaffiarla in modo regolare con non esagerare con l’apporto di acqua per evitare ristagni idrici che potrebbero essere vettori di malattie fungine. Quindi annaffiato una volta alla settimana ma con quantità di acqua moderata.

Il taro va concimato durante la stagione primaverile ogni circa venti giorni, il concime più adatto deve essere ricco di potassio e azoto, elementi fondamentali per la crescita di una nuova vegetazione; esso sarà di tipo liquido e andrà sciolto nell’acqua dell’annaffiatura, oppure si potrà scegliere un concime di tipo granulare a lenta cessione.

La colocasia esculenta si propaga tramite la divisione dei rizomi in primavera. Le parti di rizoma andranno posizionate in una zona ombreggiata all’interno di un recipiente con torba e sabbia. Durante questa fase la temperatura ideale dovrà essere intorno ai venticinque gradi. Dopo questa operazione di trapianteranno le nuove piantine in un contenitore di maggiori dimensioni.

Più che potatura, si effettuerà una pulizia delle foglie di dimensioni maggiori con un panno umido e si elimineranno le parti secche, malate e deboli.

I fiori della colocasia esculenta si riuniscono in infiorescenze a spiga e sono avvolte da una brattea di colore chiaro, si sviluppano e sbocciato in estate.

Bisogna sempre far attenzione, in caso di coltivazione in vaso, a non lasciare acqua stagnante nei sottovasi e, nella coltivazione in piena terra, a non apportare acqua in maniera eccessiva, questi comportamenti potrebbero portare alla comparsa di malattie fungine anche molto gravi e dannose per la pianta; inoltre evitiamo di esporla al sole diretto, in quanto questo potrebbe provocare la bruciatura delle foglie. Oltre a questo, la colocasia esculenta spesso è vittima dell’infestazione di afidi, se ne fosse stata vittima somministrare specifici antiparassitari.

In commercio possiamo trovare tranquillamente questa pianta, l’importante è scegliere sempre quelle più sane e vigorose. Nel caso non riuscissimo ad acquistarla nei negozi possiamo sempre ricorrere alla vendita online.

La radice della colocasia esculenta, se mangiata cruda, è particolarmente tossica ma, a cottura ultimata, fornisce elementi nutritivi simili a quelli della patata, con maggior presenza di ferro e calcio, un buon apporto di potassio. Con i rizomi si produce la farina e da essi si ricava un amido particolarmente indicato come lenitivo in medicina e come ingrediente per rendere la plastica biodegradabile in ambito industriale.

Ecco alcuni impieghi dei rizomi della colocasia esculenta. Si può tagliare a pezzi e bollirlo in acqua salata e mangiarlo come una patata lessa; oppure può fungere da contorno per pesce e carne. Lo si può cucinare anche come un purè oppure friggerlo come facessimo le classiche patatine. Uno studio effettuato presso le popolazioni che si nutrono abbondantemente di queste radici, ha dimostrato che essi hanno un’incidenza minore a sviluppare carie e infezioni gengivali, ma anche malattie come polmonite, enterite e diarrea.

Alphakey