iperico – aromatiche

Posted on

29 July 2011 | 12:55 pm

L’iperico una pianta perenne semi-sempreverde, che si caratterizza per provenire dall’Europa e dall’Asia.Tra le principali caratteristiche dell’iperico c’ il fatto di sviluppare lunghe ramificazioni striscianti e prostrate, che riescono ad estendersi molto, per poi provocare la formazione di larghi tappetti compatti, che raggiungono un’altezza pari a circa 25-35 centimetri.Le foglie dell’iperico si caratterizzano per essere verde scure sulla pagine superiore, mentre risultano pi chiare e biancastre nella parte inferiore.A partire dalla primavera inoltrata fino ai primi mesi freddi dell’autunno, la pianta di iperico si caratterizza per la produzione di fiori di notevole dimensione, dal colore giallo oro e presentano una forma di stella, con dei vistosi stami dal colore giallo.L’iperico si caratterizza per essere una pianta particolarmente diffusa nel vecchio continente, in cui si pu anche frequentemente trovare allo stato semiselvatico.Con il passare del tempo l’iperico pu assumere le caratteristiche tipiche di una pianta infestante e, per tale ragione, il consiglio quello di limitarne lo sviluppo, anche effettuando delle potature drastiche nel corso della stagione autunnale.
iperico3

iperico4Le piante di iperico hanno la particolarit di perdere la parte aerea nel corso dei mesi pi freddi dell’anno.

All’inizio della stagione primaverile si avvia anche la produzione rapida di fusti e foglie.Il consiglio quello di coltivare l’iperico all’aperto per tutto il corso dell’anno, dato che si tratta di una pianta che denota un’ottima resistenza nei confronti del freddo.Questa pianta ha bisogno di almeno diverse ore al giorno di contatto diretto con i raggi del sole.

  • Lantana

    Lantana Il nome della Lantana si riferisce al genere di piante Dicotiledoni, appartenente alla famiglia delle Verbenacee e comprendente, inoltre, numerose specie, la maggior parte delle quali originarie dell…

  • achillea

    achillea Il nome scientifico di questa pianta Achillea Millefolium e appartiene alla famiglia delle Composite.Si tratta di una pianta erbacea perenne rustica, estremamente famosa, soprannominata millefo…

  • Erba cipollina

    erba cipollina Tra le pi interessanti piante perenne e bulbose, troviamo indubbiamente anche l’erba cipollina, che fa parte della famiglia delle Amarillidacee.Si tratta di un arbusto che cresce soprattutto all’in…

  • coltivare aglio

    coltivare aglio Una delle pi interessanti piante di origine bulbosa indubbiamente l’aglio: pianta perenne, caratterizzata sopratutto dal fatto di provenire da tutte quelle aree desertiche che si trovano nel contin…

Le piante perenni hanno la particolarit di incontrare diversi periodi di riposo vegetativo. Nel corso di questi ultimi mesi, non si dovr procedere ad annaffiature, che si devono praticare solamente nel momento in cui il terreno si completamente asciugato, lasciando passare qualche settimana tra un’annaffiatura e quella successiva.

Nel caso in cui il clima si caratterizzi per essere davvero molto caldo, allora si pu decidere di annaffiare pi frequentemente la pianta di iperico, magari sfruttando 2-3 bicchieri di acqua.

L’iperico, per via delle malattie fungine a cui pu essere speso soggetto, non deve essere affiancato da un’altra coltura uguale, se non dopo un buon numero di anni.

E’ importante inserire una coltivazione di iperico a rotazione con patate, cereali o anche con il prato stabile.La coltura di iperico si caratterizza per durare pi di due anni solo in pochi casi.

Si consiglia di effettuare un’aratura nel corso della stagione autunnale, ma anche un’erpicatura e, nel caso in cui si propenda per la semina diretta, anche una rullatura.

Nel caso in cui si effettui anche quest’ultima operazione, allora il terreno dovr subire una fine lavorazione, proprio per via delle dimensioni ridotte dei semi di iperico.La moltiplicazione dell’iperico avviene per divisione dei cespi, per talea semilegnosa, ma si pu ancora portare a termine asportando dalla pianta madre le nuove piante che crescono alla fine dei vistosi stoloni.

C’ la possibilit di sfruttare ben due tipologie di impianto, ovvero per semina diretta al termine della stagione estiva o all’inizio di quella autunnale, oppure per trapianto

Nel caso in cui si decida per la semina diretta, allora meglio usare, in via prudenziale, almeno 3kg/ha di semente.La semina diretta dovr essere eseguita solamente con terreni che si presentano in condizioni perfette dal punto di vista della tessitura e della giacitura.Per fare in modo di ricavare degli ottimi risultati, fondamentale che il seme abbia un grado di germinabilit maggiore o uguale al 70%.La semina dovr essere eseguita con con seminatrici che si adattano a tale obiettivo, cercando di depositare e non di interrare il seme sul terreno che stato precedentemente ben preparato, dato che il seme di iperico germina solamente con la presenza dei raggi solari. Altrimenti si pu ricoprire leggermente il seme con la terra e compattare il terreno con una rullatura.La semina tardo-estiva o autunnale (nel periodo compreso tra settembre e novembre), consente una stratificazione naturale del seme, nel corso del quale l’umidit e le basse temperature invernali riescono a sbloccarne la dormienza.L’essiccamento dell’iperico, nella maggior parte dei casi, va eseguito in essiccatoio (a 40-60 gradi) per un periodo di almeno ventiquattro ore e fino a quando non raggiunge almeno l’8% di umidit.La droga, una volta che si provveduto ad immagazzinarla, dovr essere mantenuta riparata dall’umidit e dalla luce.

Nella maggior parte dei casi, si consiglia di effettuare in estate un trattamento preventivo con insetticida ad ampio raggio e con un fungicida sistemico, in maniera tale da poter prevenire l’attacco che viene svolto da afidi e per contrastare lo sviluppo di malattie fungine, che spesso riescono a sfruttare il clima fresco ed umido.

Alphakey