Melanzane – Solanum melogena – ortaggi

Posted on

9 February 2011 | 9:49 pm

La melanzana, nome comune per solanum melongena, appartenente alla famiglia delle Solanacee una pianta estiva assai esigente di calore e molto sensibile alle temperature rigide. La sua coltivazione in Italia si concentra in particolar modo nelle regioni del centro e del sud. In Sicilia, soprattutto, la sua diffusione ampia e la melanzana considerata come un dono particolarmente gradito della terra, utilizzata abbondantemente nella cucina in vari e appetitosi modi, soprattutto fritta. Presente in innumerevoli ricette, il suo utilizzo tuttavia preceduto obbligatoriamente dalla cottura. La melanzana non si mangia infatti cruda, ha un sapore fastidioso al palato e una presenza di solanina che la rende tossica. In Europa consumata in particolare in Italia, in Spagna e in Grecia. La pianta utilizzata dunque per i suoi frutti. Questi consistono nelle note bacche di grande dimensione dal colore viola pi o meno scuro, ma anche bianche. La forma della melanzana ovale, pi o meno allungata.
melanzana

La semina della melanzana va fatta tra gennaio e febbraio nelle regioni centro- meridionali, o a marzo in quelle pi fredde. Questa va effettuata o in letto caldo, o in semenzaio. La temperatura deve aggirarsi ai 20 gradi e, per metro quadrato del semenzaio, bastano soltanto uno o due semi per ottenere un buon risultato di cerscita per anche pi di 100 metri quadri di campo. Trascorsi quasi tre mesi dalla semina possibile effettuare il successivo trapianto. Gi a partire dal mese di maggio, per le regioni pi calde, mentre per quelle dal clima pi rigido bene aspettare giugno, senza pi il timore che arrivino dannose gelate. Le piantine vanno dunque poste in appositi solchi direzionati a est-ovest. La distanza da mettere di circa 70 centimetri fra le file e di mezzo metro circa fra le piante della stessa fila.

  • Melanzana

    Melanzana La melanzana una pianta erbacea annuale originaria dellIndia ma ormai coltivata in tutta Europa; in Italia i maggior produttori di questo ortaggio sono la Campania, La Puglia, la Sicilia e la Calab…

  • Piante da orto

    Un orto ad alta resa al metro quadrato pu essere ottenuto anche dai principianti e in spazi di ragionevole dimensione coltivando pomodori, fagioli, fagiolini, piselli, zucchine e patate, la produzion…

  • Melanzana

    melanzana1 La melanzana una pianta erbacea annuale appartenente alla famiglia delle Solanaceae di cui fanno parte anche i pomodori e le patate. Originaria dellIndia, venne introdotta in Europa dagli Arabi, in…

  • Orto balcone

    Lorto balcone una pratica agraria a gratificante gestione fai da te di comodo accesso per ottenere anche in citt un minimo di produzione salutare ed economica di erbe aromatiche e ortaggi a rapi…

melanzanePer quanto riguarda la produzione del seme della melanzana necessario mantenere sulle piante che sembrano pi forti i prime tre frutti maturati che, in seguito, si staccheranno nella loro prolungata maturazione e si porranno sotto il sole per seccarli. Successivamente, da questi frutti saranno prelevati i semi che si faranno asciugare riparati all’ombra e dunque saranno collocati in apposito spazio per la conservazione. Da una singola bacca possibile procurarsi una ventina di semi circa.

Il terreno preferito dalla melanzana di medio impasto, fertile e sciolto, assai ricco di sostanza organica. Importante per uno sviluppo florido della pianta un’ottima esposizione. La melanzana, come si detto, decisamente esigente per le questioni di clima ed favorita nella crescita da alte temperature, che si aggirino sui 15 gradi della notte e i 25 del giorno. In caso di sbalzi termici la melanzana avr seri problemi nel proprio sviluppo. Un’ ottima crescita si ha invece anche in coltivazioni nelle aree litoranee in virt dell’alta tolleranza della pianta alla salinit anche elevata dei terreni, cos come alla continuata presenza di venti salsi.

La melanzana ha abbondanti necessit di sostanza organica. E’ consigliabile arricchire il terreno con 400 chilogrammi di letame o composto per 100 metri quadri della superficie, da interrare durante la preparazione. In seguito al trapianto una distribuzione di macerato di ortica diluito al 20- 25 % avr senza dubbio effetti benefici per la crescita della pianta.

La raccolta avviene da maggio fino a ottobre, prima della maturazione e dell’indurimento della polpa del frutto. Una pianta ben cresciuta e curata pu arrivare anche a una produzione di 1 chilogrammo di frutti. 300 Kg di melanzane si producono all’incirca ogni 100 metri quadri.

La melanzana soffre dei parassiti tipici delle Solanacee, come i tripidi, il ragnetto rosso, le cimici, gli afidi. E’ consigliabile non operare con una semina a file particolarmente fitte, al fine di scongiurare i ristagni dell’umidit ed evitare dunque eventuali marciumi basali o la botrite. Inoltre problemi di umidit o di arieggiamento scarso condurranno pressoch inevitabilmente alla comparsa di un fungo, detto alterniosi, che si mantiene sui semi infetti. Questo attacca le piante mature, causando macchie e lacerazioni sia sulle foglie che sui frutti. In presenza del fastidioso fungo consigliabile intervenire con i sali di rame.

La melanzana si associa molto favorevolmente alle piante di finocchio, cavolo e insalata.

Esistono diverse variet di melanzana dal minore o maggior pregio alimentare. Tra le pi diffuse e rilevanti ricordiamo la violetta nana, solitamente pianta assai precoce, non molto utilizzata in cucina a causa del suo non rilevante peso qualitativo. La violetta lunga, altres detta violetta di Palermo o violetta di Napoli, assai nota e utilizzata nel sud-Italia, dalla forma oblunga e un caratteristico colore violetto scarlatto. C’ poi la rotonda grossissima di New York, assai diffusa, dalla forma ovale e il tipico colore viola scuro, molto comune e presente anche nei banconi dei mercati e diffusissima per il suo consumo alimentare. Annotiamo infine la melanzana di murcia, dalla caratteristica presenza di spine sia sul fusto che sulle foglie.

Guarda il Video


Alphakey