olio lavanda – oli essenziali

Posted on

23 October 2011 | 8:47 am

Le parti che vengono impiegate per l’estrazione dell’olio di lavanda sono prevalentemente le sommit fiorite, che presentano la pi elevata concentrazione di principi attivi.Questa particolare essenza in grado di svolgere un gran numero di attivit benefiche e terapeutiche e si pu descrivere come un sorta di liquido viscoso caratterizzato da una tipica colorazione verde scura, che presenta un odore erbaceo piuttosto dolce.I fiori di lavanda venivano sfruttati fin dai tempi antichi per l’ottenimento di questa particolare essenza, che risulta ancora al giorno d’oggi estremamente diffusa per combattere un gran numero di disturbi, sopratutto quelle problematiche che vengono provocate da stress, tensione e nervosismo.E’ fondamentale, prima di acquistare qualsiasi tipologia di prodotto, che si tratti di olio essenziale di lavanda puro al 100% e che non siano solamente delle comuni essenze, dal momento che gli oli puri possono, in certi casi, essere impiegati anche per via interna.Una delle pi importanti e anche note caratteristiche che fanno riferimento all’olio di lavanda certamente il suo inconfondibile profumo.
olio lavanda

olio lavanda2 Per fare in modo di ricavare l’olio essenziale di lavanda, vengono impiegate unicamente le sommit fiorite.

La tecnica di estrazione ricalca esattamente quella che viene impiegata per tutti gli altri oli, ovvero quella per distillazione in corrente di vapore.La scelta di questa tecnica estrattiva si spiega unicamente con la volont di non far diffondere o di non modificare le molecole volatili al cui interno si trovano i principi attivi della pianta di lavanda.In questo modo c’ la possibilit di ricavare un olio che presenta una bassa solubilit in acqua, caratterizzato da un colore limpido che spesso tende al giallo.

  • Pianta lavanda

    Campo di lavanda La pianta di lavanda, o lavandula, appartiene alla famiglia delle Lamiacee e comprende pi di 40 specie diverse tra loro per intensit del profumo e colorazione. E’ una pianta rustica, originaria dell…

  • cedrina

    cedrina La cedrina, il cui nome scientifico Lippia citriodora, una pianta perenne che fa parte della famiglia delle Verbenacee e si caratterizza sopratutto per avere una deliziosa fragranza dovuta alle …

  • chiodi di garofano

    chiodi di garofano L’Eugenia caryophyllata (che viene chiamata anche con il nome di Syzygium aromaticum) un albero di modeste dimensioni, sempreverde, che proviene dalle isole Molucche e viene coltivato prevalentement…

  • cipolla

    cipolla Esistono coltivazioni in ogni parte del mondo e fa parte di una delle pi importanti famiglie naturali (le Liliacee): stiamo parlando della cipolla, che rappresenta uno di quegli aromi che si posson…

L’olio essenziale di lavanda si caratterizza per essere in grado di svolgere un gran numero di attivit benefiche e curative.

Tra le principali azioni terapeutiche, dobbiamo sottolineare quella analgesica, antisettica, sedativa, ipotensiva, cardiotonica, cicatrizzante e fungicida.Nel momento in cui viene utilizzato all’interno di particolari luoghi o ambienti, l’olio essenziale di lavanda riesce a svolgere un’azione tonificante e calmante, riuscendo anche a garantire un’attivit che combatte la depressione e stimolante il sistema immunitario del corpo umano.Si tratta di un olio che consente di donare uno stato di calma e rilassante, in maniera tale da poter agilmente sconfiggere lo stress e il nervosismo.Tra le altre propriet che si possono ricollegare all’olio essenziale di lavanda troviamo anche quella battericida ed antinfiammatoria, dato che si dimostra estremamente utile per contrastare le infezioni che vanno a colpire l’apparato respiratorio, ma spesso anche quello digerente.L’olio essenziale di lavanda si dimostra ottimo anche per combattere l’asma e le bronchiti, oltre che per svolgere una funzione estremamente utile per contrastare la tosse e il catarro.L’olio di lavanda riesce a svolgere azioni benefiche anche per quanto riguarda la stanchezza, palpitazioni, depressioni e dolori mestruali.

La lavanda ha la particolare caratteristica di svolgere un’attivit benefica in maniera tale da permettere una pi rapida e corretta operazione di rigeneramento delle cellule.

Si tratta di un olio essenziale che viene impiegato con particolare frequenza all’interno della produzione di prodotti cosmetici che consentono di trattare la pelle eccessivamente grassa e ricca di impurit.

L’impiego dell’olio essenziale di lavanda viene indicato soprattutto per tutte quelle persone che sono particolarmente stressate o nervose, oppure che hanno la necessit di disinfettare l’apparato respiratorio.

E’ sufficiente utilizzare due gocce di olio di lavanda versandole su un fazzoletto: di tanto in tanto, si potr annusare, in maniera tale da rimuovere completamente la nausea e anche il ma di vomito.Come soluzione alternativa, si potranno anche utilizzare cinque gocce di lavanda all’interno di un apposito diffusore per essenza.Si pu anche utilizzare efficacemente per realizzare degli ottimi massaggi ( sufficiente versare tre gocce di olio essenziale di lavanda all’interno di 250 ml di olio di mandorle dolci e poi si potr utilizzare tale composto per svolgere un perfetto massaggio per contrastare lo stress e il nervosismo e distendere i muscoli.Per svolgere un’azione rilassante e distensiva anche nei confronti di mal di testa e disturbi cronici dovuti a stress e tensione, si possono utilizzare due gocce di olio di lavanda da applicare sulle tempie, massaggiandole delicatamente, cosi come in altre aree particolari, come ad esempio i polsi e la nuca.In questi casi, dovremo svolgere un’azione di inspirazione ed espirazione profonda con l’olio di lavanda: l’aroma permetter certamente di ridurre sia il dolore che lo stress.Anche nel caso in cui si verifichino delle coliche, si potr utilizzare l’olio essenziale di lavanda per effettuare un massaggio delicato sull’addome (ricordiamo che, anche in questi casi, le gocce di olio essenziale dovranno essere una, al massimo due).

Guarda il Video



Alphakey