semina di cinnamomum zeylanicum – domande e risposte giardinaggio

Posted on

28 November 2011 | 9:14 am

salve,recentemente ho ricevuto in regalo dei semi dell’albero della cannella, Cinnamomum zeylanicum per l’appunto, mi piacerebbe sapere quali siano le procedure per la semina e coltivazione di questa essenza. grazie mille
cannella

Ciao Mariella e benvenuta su giardinaggio.net, il sito che dedica uno spazio alle domande dei lettori con esperti di piante e giardinaggio pronti a rispondere alle loro domande.

La cannella è una pianta molto utilizzata dall’uomo come spezia e originaria di zone tropicali, dove trova le temperature e l’umidità ideali per la sua crescita. Appartenente alla famiglia delle Lauraceae, la cannella è conosciuta anche come Cinnamon zeylanicum ed è un alberello che raggiunge i 10-15 metri di altezza. Le foglie della cannella sono rossastre da giovani e diventano rossastre man mano che invecchiano, sono coriaceae e di forma ovato-oblunga.I fiori di questa pianta sono di colore bianco e sbocciano numerosi e di piccole dimensioni durante la fioritura, producendo poi una bacca viola come frutto, dotata al suo interno solamente di un seme. Il terreno ideale per coltivare la cannella è sciolto, senza ristagni idrici e con una buona quantità di sostanza organica e la pianta deve essere posizionata in luoghi soleggiati o a mezz’ombra. Se si vuole coltivare una pianta di cannella direttamente dal seme, cosa peraltro non troppo complicata perché i semi germinano con una certa facilità, si consiglia di seminare in primavera e di coltivare la pianta in vaso, in modo tale da poterla riparare all’interno della casa e dell’appartamento nei periodi più freddi dell’inverno. Quando la pianta di cannella è diventata grande si consiglia invece di non portarla più all’interno della casa ma di lasciarla all’esterno riparata in una serra fredda. Una volta che la pianta di cannella nata da sema sarà diventata grande non avrà bisogno di moltissime cure eccezion fatta per qualche potatura di pulizia volta ad eliminare i rami secchi o i rami rotti e delle annaffiature frequenti durante il periodo estivo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *