Tarassaco – fitoterapia – Usi del tarassaco

Posted on

30 June 2011 | 5:12 pm

Il tarassaco, nome originale Taraxacum officinale, una pianta a fiore appartenente alla famiglia delle Asteracee. Altri nomi sono: Dente di leone, Cicoria selvatica, Soffione, Cicoria burda e Piscialetto. Questultimo nome deriva da una leggenda secondo la quale i bambini che raccoglievano i fiori di questa pianta avrebbero fatto, la notte successiva, la pip a letto. Cresce praticamente ovunque, nelle pianure e fino ad altitudini di 1500- 2000 metri. Predilige il clima temperato, si sviluppa sia al sole che in zone ombreggiate. E facile trovarlo su prati e campi. La pianta ha un fusto di 40 centimetri e si presenta con foglie lunghe e radicali, che si sviluppano, cio, dalla radice, di colore verde chiaro, mentre sulla sommit si trova il fiore di colore giallo, detto soffione perch circondato dal pappo, la peluria che i bambini si divertono a strappare e che viene trasportata dal vento. Le radici della pianta possono anche avere un carattere infestante, perch se non vengono estirpate continuano a produrre nuovi germogli. Questa pianta fiorisce in primavera, ma anche in autunno. Il tarassaco viene usato sia per scopi alimentari che per rimedi fitoterapici. Le parti utilizzate sono i fiori, in bocciolo, per scopi alimentari, le foglie e le radici per scopi fitoterapici. Le foglie, utilizzate crude, come insalata, si possono raccogliere tutto lanno, ma preferibile che vengano raccolte prima della fioritura. Le radici vanno raccolte a fine primavera ed autunno, si tagliano a fette sottili e vanno fatte essiccare.Gli steli vanno raccolti contestualmente alla fioritura.

tarassaco1

tarassaco2 Le foglie del tarassaco sono molto ricche di vitamine A, B, C, olio essenziale, sali minerali, glucidi, flavonoidi, antiossidanti come il tannino e polisaccaridi come linulina. I principi attivi del tarassaco sembrano avere effetti benefici per i problemi digestivi e per la prevenzione dei calcoli renali. Il tarassaco, infatti, si usa anche come depurativo per il fegato e i reni. Le sostanze del tarassaco hanno unazione enzimatica, cio stimolano lattivit di ghiandole molto importanti, come i gi citati fegato e reni. Nel fegato stimolano la secrezione di bile proteggendo le cellule epatiche ed impendendo la formazione dei fastidiosi calcoli biliari. Il loro utile effetto, non riguarda, dunque, la cura dei calcoli, ma solo la prevenzione. Il tarassaco stimola anche la funzionalit renale, agendo come un diuretico. In medicina erboristica si parla anche di tarassacoterapia: unassunzione, per 4, 6 settimane di rimedi a base di questa pianta, disintossica lorganismo facendo sentire pi leggeri. Altre propriet del tarassaco riguardano anche usi esterni, come rassodamento e pulizia della pelle e schiarimento di macchie del viso e di lentiggini. In cucina le foglie fresche si usano per preparare delle insalate, mentre i fiori si possono anche friggere dopo averli infarinati. Questi ultimi, quando sono ancora chiusi, si possono conservare sottaceto per usarli al posto dei capperi. Le radici tostate in forno permettono di ottenere un surrogato del caff.

  • Tisane dimagranti

    tisane dimagranti Nella maggior parte dei casi, le tisane dimagranti devono essere consumate con dosaggi piuttosto ridotti e per un periodo di tempo abbastanza lungo.Le tisane si possono realizzare mediante infusione…

  • infuso drenante

    infuso drenante Nel corso della stagione estiva si ha la necessit di fare tutto quanto nelle nostre capacit per svolgere un’azione drenante sui liquidi in eccesso che si accumulano all’interno del nostro organism…

  • Tintura madre tarassaco

    tintura madre tarassaco Il tarassaco ha la particolarit di presentare, al suo interno, una notevole concentrazione di principi attivi, cos come di vitamine e di sali minerali.Si tratta di una pianta che ha la peculiarit…

  • Miele tarassaco

    miele tarassaco Questo miele si caratterizza per essere prodotto nella parte iniziale della primavera nel caso in cui le colonie di api siano particolarmente grandi da poter dar luogo a tale operazione nel periodo in…

Per esplicare il suo effetto benefico il tarassaco si usa come decotto, infuso, fresco o come succo. Il decotto di radici, ottenuto bollendo, in un litro dacqua, per 10 minuti, 40 grammi di queste parti della pianta, si pu usare per fare impacchi tonificanti e leviganti sulla pelle. Linfuso ottenuto mettendo un cucchiaio di radice in una tazza dacqua bollente permette di combattere fastidi legati al cattivo funzionamento del fegato, come i foruncoli. Si pu usare anche per la costipazione intestinale e come diuretico. Il decotto per uso interno, svolge la stessa azione benefica, la dose per prepararlo di 3 grammi di radice in 100 ml di acqua. Il decotto, in tazzine da caff, va assunto, tramite sorsi, tre, quattro volte al giorno, lontano dai pasti. Per combattere la stanchezza si consiglia di assumere per due settimane steli di tarassaco. Si raccolgono gli steli fioriti, si tolgono i fiori staccandoli, si lava lo stelo e lo si mastica molto lentamente. Si avvertir un sapore amarognolo, tipico di alcune insalate. La dose consigliata di 5, 10 steli al giorno per 15 giorni, per ottenere degli effetti depurativi, rigeneranti e rinforzanti. Sembra che chi abbia provato questa cura, si sia sentito pi vigoroso ed energico.

Il tarassaco si trova sotto forma di rimedio erboristico e di integratore alimentare, nelle erboristerie, farmacie, parafarmacie e siti di e-commerce. Si commercializza in forma di tavolette o compresse, (miscelato ad altri estratti di piante) tisana e soluzione idroalcolica. Una confezione da 110 tavolette costa circa sei euro, la tisana in bustine con filtro, costa sempre sei euro. La dose consigliata di una tazza da 150 ml al giorno, ad assumere preferibilmente al mattino. La soluzione alcolica di estratti di tarassaco in flacone da 50 ml costa circa 6 euro e 50. La dose consigliata di 20, 40 gocce, 2. 4 volte al giorno.


Alphakey