Tintura madre echinacea – tintura madre

Posted on

31 October 2011 | 7:02 pm

L’Echinacea rappresenta una di quelle piante che fanno parte della grandissima famiglia delle Composite.L’impiego dell’echinacea in ambito terapeutico iniziato gi nel 1700, quando un gran numero di trib indiane sfruttava tale pianta con l’intento di ottenere effetti guaritori sulle ferite, comprese quelle causate dal morso dei serpenti velenosi.L’echinacea rappresenta certamente un rimedio particolarmente diffuso e famoso, ma che sta acquisendo un ruolo sempre pi importanti in campo fitoterapico negli ultimi anni: infatti, le parti aeree e le radici della pianta di Echinacea possono vantare una notevole concentrazione di principi attivi.Per ottenere la tintura madre, si utilizzano sempre le parti aeree della pianta di echinacea, ma anche le radici hanno un impiego particolarmente diffuso.
tintura madre echinacea

tintura madre echinacea La tintura madre di echinacea si caratterizza per poter essere frequentemente utilizzata per via delle sue importanti propriet batteriostatiche, che agiscono efficacemente sopratutto su virus e ceppi batterici dell’influenza.

Questa interessante tintura madre riesce a svolgere anche una discreta azione stimolante per quanto riguarda il sistema immunitario, sopratutto garantendo una funzione antinfiammatoria all’interno del trattamento di tutte quelle patologie a carattere infettivo.Inoltre, la tintura madre di echinacea si pu spesso impiegare anche come riepitilizzante nel caso in cui si debbano cicatrizzare delle ferite, sopratutto per merito della presenza di un importante principio attivo che viene chiamato echinacoside, che permette di rendere pi rapida la guarigione dalle ferite e, inoltre, consente anche di ridurre il pericolo derivante dalle infezioni.

  • echinacea

    echinacea La pianta di echinacea una delle tante specie che appartengono alla famiglia delle Composite, che comprende un elevato numero di arbusti e piante.Il genere denominato echinacea ha la particolare…

echinacea Le modalit di impiego della tintura madre di echinacea sono le seguenti: innanzitutto, una quantit di gocce compresa tra le venti e le quaranta gocce, da diluire in un bicchiere di acqua e da somministrare per un massimo di tre volte nel corso della giornata.

Per sfruttare la tintura madre anche esternamente, si dovr utilizzare una soluzione concentrata al 25%, impiegando allo stesso tempo dell’acqua sterile, per realizzare degli ottimi ed efficaci impacchi.Non dobbiamo dimenticare come la tintura madre di echinacea non l’unico prodotto fitoterapico disponibile in commercio, dal momento che si pu reperire con grande facilit anche l’estratto fluido, quello secco e l’olio essenziale.

Si tratta di una pianta medicinale che ha, come principale effetto benefico, quello di svolgere un’attivit stimolante che permette di rinforzare le difese immunitarie dell’organismo umano.

L’attivit che viene svolta dall’echinacea si caratterizza per essere generalmente di prevenzione, nei confronti specialmente di malanni che insorgono nel corso della stagione autunnale, come ad esempio l’influenza o il raffreddore.Nella maggior parte dei casi, abbiamo la possibilit di trovare l’echinacea disponibile in commercio sotto forma di capsule, ma anche estratti secchi e tintura madre.

Gli Indiani d’America avevano la particolare caratteristica di tenere in grandissima considerazione la pianta di Echinacea, al punto che la consideravano come un vero e proprio rimedio miracoloso.

Infatti, era utilizzata piuttosto frequentemente per la cura di tutti quei morsi dei serpenti a sonagli; in realt, per l’impiego della pianta di echinacea tra i nativi, ebbe una pi larga diffusione, dato che veniva sfruttata anche come ottimo rimedio nei confronti del mal di denti e come semplice anestetico.E’ di particolare interesse osservare come lo sviluppo e la successiva diffusione di una pianta come l’echinacea sia stata notevolmente pi ampia in tutti quei luoghi in cui abitavano le trib che ne facevano frequentemente uso.

tintura madre echinacea La tintura madre di echinacea potrebbe provocare delle allergie nel momento in cui i soggetti che la assumono sono intolleranti nei confronti della famiglia delle Asteracee.

Ecco spiegato il motivo per cui l’impiego della tintura madre di echinacea deve sempre avvenire con grande attenzione.Nel caso in cui tale tintura venga impiegata per un periodo di tempo superiore ad otto settimane, con un dosaggio particolarmente elevato, si consiglia di interromperne l’uso, dal momento che potrebbe provocare numerosi disturbi, in particolar modo al fegato.La tintura madre di echinacea, per, non va incontro a tanti altri limiti che sono abbastanza comuni alle tradizionali tinture, ovvero il fatto che si pu impiegare sia in gravidanza che nel corso della fase di allattamento, ma anche nel corso dell’et pediatrica.L’azione immunostimolante ci che certamente caratterizza di pi questa pianta officinale, dal momento che riesce a svolgere un’azione di inglobamento e di eliminazione di tantissime tipologie di virus e batteri.Altri effetti benefici secondari, sono rappresentati dall’attivit cicatrizzante, sopratutto a livello cutaneo, che viene svolta per merito della presenza di componenti e principi attivi che vanno a bloccare l’azione di tutti quegli enzimi che danneggiano e distruggono la pelle.

Alphakey

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *