Vite – vite – Caratteristiche della vite

Posted on

2 May 2012 | 11:12 am

La vite si pu considerare come una di quelle piante che vengono coltivate da diversi secoli: infatti, le testimonianze ci riportano addirittura fino ai tempi del Neolitico, senza dimenticare come anche all’interno di un libro sacro come la Bibbia se ne parla spesso.La vite rappresenta un arbusto che fa parte della categoria dei rampicanti e proviene dalla parte mediorientale dell’Asia e, al momento, si sviluppato un po’ in ogni zona del pianeta.Le viti sono caratterizzate dal fatto di essere degli arbusti a foglia caduca: in poche parole, hanno la particolarit di lasciare per strada il fogliame nel momento in cui devono affrontare la stagione invernale e le temperature pi rigide.Ci significa, quindi, che le piante di limone riescono a sopportare piuttosto bene il freddo, dal momento che sono in grado di resistere anche a delle temperature che scendono sotto i 18-20 gradi sotto lo zero termico.Gli arbusti della vite, come abbiamo detto in precedenza, sono oggetto di coltivazioni da parte dell’uomo ormai da diversi secoli e, per tale ragione, all’interno del frutteto c’ la possibilit di trovare esclusivamente degli ibridi, che hanno subito delle importanti modifiche dopo numerosi anni in cui sono stati coltivati.Quando parliamo della vite dobbiamo ovviamente sottolineare che si tratta di una pianta rampicante, che pu vantare la presenza di fusti di legno, che sono particolarmente compatti ed elastici e hanno un numero piuttosto limitato di rami, anche se poi ciascuna ramificazione ha la peculiarit di arrivare fino a parecchi metri di lunghezza.Per quanto riguarda il fogliame della vite, dobbiamo sottolineare come sia palmato ed abbia un margine dentellato, con una tipica colorazione verde chiara e delle dimensioni notevoli.La fioritura della pianta della vite avviene, di solito, nel corso della stagione primaverile e spesso favorisce la formazione di grappoli dalle discrete dimensioni: dopo i fiori, sar la volta della maturazione delle bacche dalla forma tipicamente tondeggiante, che vengono definiti con il termine di acini, che si caratterizzano per essere decisamente succose e che fanno in modo di rendere il grappolo piuttosto pendulo.Possiamo trovare in natura un gran numero di acini che presentano una differente colorazione: ad esempio, ci sono acini con una colorazione che va dal verde pi chiaro fino al viola molto scuro.
vite

vite2Il grande successo che riuscita a raggiungere la pianta della vite , in gran parte, riferibile alla vinificazione: si tratta di un procedimento piuttosto accurato e complesso, mediante il quale, dopo aver eseguito la fermentazione, si pu ottenere il vino direttamente dai frutti.

Il vino rappresenta una delle bevande moderatamente alcoliche maggiormente diffuse in tutto il mondo, ma tra le sue principali caratteristiche c’ quella di derivare da una pianta che davvero molto semplice da coltivare, oltre ad avere il pregio di essere estremamente versatile.Le viti che vengono impiegate per la produzione di un frutto piuttosto dolce e particolarmente succoso hanno bisogno di essere coltivate all’interno di un luogo piuttosto preciso.Ecco spiegato il motivo per cui questo genere di piante deve essere coltivato all’interno di un luogo piuttosto soleggiato e colpito dai raggi solari: in questo modo si potr garantire all’intera pianta di godersi diverse ore di luce.Nella maggior parte dei casi, le piante della vite vengono coltivate in filari: grazie a questa tecnica di coltivazione si pu fare in modo che gran parte dei frutti della vite siano in grado di godersi i raggi del sole per diverse ore nel corso dell’intera giornata.La pianta della vite pare che si possa sviluppare in maniera ottimale su qualsiasi tipologia di terreno, dal momento che ha la capacit di crescere molto bene anche su tutti quei suoli particolarmente sassosi e che, al loro interno, hanno una ridotta quantit di sostanze nutritive.E’ sufficiente, per poter eseguire un’ottima coltivazione, che il terreno sia piuttosto leggero e caratterizzato da un buon livello di drenaggio.Ecco spiegato il motivo per cui sempre necessario prestare la massima attenzione affinch la pianta non accusi la formazione di pericolosi ristagni idrici, che possono andare ad incidere notevolmente sulla qualit della coltivazione.Come sostenuto pi di una volta da tutti gli enologi, la natura del terreno sicuramente uno degli elementi condizionanti principali per quanto riguarda lo sviluppo dei frutti e, ovviamente, la conseguenza che ne sar influenzato anche il vino che verr prodotto da quelle uve.Dopo che abbiamo posizionato la pianta della vite all’interno di un luogo particolarmente soleggiato, tutto ci che dovremo fare evitare di eccedere con le annaffiature e con qualsiasi altra operazione, dal momento che si tratta di una pianta che non ha bisogno di specifiche temperature per potersi sviluppare nel migliore dei modi, anche se spesso delle brinate tardive possono certamente influire in maniera negativa sia sulla fioritura della pianta che sulla produzione dei frutti pi giovani.Si tratta di un fenomeno, quello che abbiamo appena descritto, che si verifica solo saltuariamente, dal momento che possiamo trovare un gran numero di coltivazioni della pianta della vite a partire dall’area settentrionale della Germania, fino praticamente al bacino Mediterraneo e tutti producono delle ottime uve.Ci permesso anche dal fatto che, all’interno di ciascun paese, la coltivazione avviene su dei vitigni autoctoni, ovvero che da diversi secoli si sono sviluppati come forme ibride, in maniera tale da riuscire ad adattarsi nel migliore dei modi al clima e alle varie stagioni che caratterizzano un determinato luogo.

  • Significato Glicine

    Per il suo modello di crescita, il glicine dai fiori profumati uno degli esempi pi originali di vite rampicante legnosa, motivo per cui il significato del glicine si prestato a diverse interpreta…

  • agnocasto

    agnocasto1 Lagnocasto, nome completo Vitex agnus castus L. un arbusto ornamentale, pi o meno grande che cresce nei letti dei torrenti e sulle sponde dei fiumi del Mediteraneo e dellAsia Centrale. Si svil…

  • Vite canadese (Ampelopsis brevipeduncolata)

    Vite canadese (Ampelopsis brevipeduncolata) Si tratta di un genere che comprende pi di cinquanta arbusti rampicanti che provengono dalla parte settentrionale del continente americano, ma anche dal continente asiatico.Nella maggior parte dei …

  • Tisane drenanti

    tisane drenanti Le tisane che vengono definite drenanti sono rappresentate da delle composizioni di natura acquosa, estremamente diluite, che si possono ricavare mediante l’uso di un buon numero di droghe vegetali, c…

Balsamo del cavallo riscaldante extra forte, Gel da massaggio per riscaldamento Cura del corpo con extra forte Effetto, contiene Estratti in foglie di vite rossa, Ippocastano, Melisse, Camomilla, Luppolo, Valeriana, Millefoglie, Vischio e Finocchio "Vegetale" 500ml Barattolo con Pellicola in alluminio sigillata Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,97€

La pianta della vite, nel momento in cui raggiunge la fase di riposo vegetativo, deve essere oggetto di accurate potature, in maniera tale che si possa, in seguito, ricavare un’ottima produzione sia per quanto riguarda la qualit che la quantit delle uve.

Dalla tipologia di potatura che si sceglie di eseguire, poi, (insieme ovviamente ad altri fattori come ad esempio il numero di piante coltivate per ettaro e dalla tipologia del vigneto) dipender buona parte della qualit finale delle uve prodotte.Grazie alle operazioni di potatura si possono rimuovere tutti quei tralci che hanno gi provveduto a donare il frutto, in maniera tale da evitare che la pianta possa crescere oltre le dimensioni consentite, levandosi di dosso la vegetazione fruttifera).Le tecniche di potatura utilizzate sono differenti in relazione al luogo in cui viene coltivata la pianta e al clima che lo caratterizza: ad esempio, in tutte quelle zone che favoriscono la coltivazione della vite, si potr procedere ad una potatura che permetta il massimo sviluppo vegetativo.

Ovviamente, quando parlavamo in precedenza dei ristagni idrici, dobbiamo sottolineare come si tratta di un fenomeno che deve essere sempre tenuto sott’occhio, anche per via del fatto che pu portare la pianta verso una condizione negativa, che influenza uno sviluppo corretto ed efficace dei frutti.

La pianta della vite ha bisogno di costanti annaffiature nel corso di quella fase che prende il nome di fruttificazione: ecco spiegato il motivo per cui, nel caso in cui venga coltivata all’interno di un luogo caratterizzato da un clima tipicamente umido, potr essere colpita con il passare degli anni da tutta una serie di malattie o comunque diverse minacce potrebbero attaccarla.Certamente, nel caso in cui il clima sia eccessivamente umido, uno dei principali pericoli per la pianta della vite rappresentato dallo sviluppo della muffa grigia, ma anche dell’oidio.Nel caso della muffa grigia importante evidenziare come si tratta di una minaccia che va a colpire in modo particolare i grappoli di uva che si vengono a formare, mentre nel secondo caso si tratta di un pericolo che va a colpire sopratutto le foglie caratterizzate dalle dimensioni maggiori.Non dobbiamo dimenticare come un altro pericolo piuttosto rilevante per quanto riguarda il corretto sviluppo della pianta della vite e dei suoi frutti rappresentato dalla peronospora: si tratta di un fungo che ha la particolare capacit di svilupparsi in tempi estremamente ristretti, che va a colpir sopratutto le foglie della pianta; ecco spiegato il motivo per cui, piuttosto di frequente, si usa trattare tali parti della vite con delle particolari irrorazioni a base di rame e zolfo.Come dicevamo in precedenza, sono numerosi i pericoli per la pianta della vite: tra gli altri, troviamo anche la fillossera, che va proprio a colpire le radici di questo esemplare.I trattamenti che vengono utilizzati per combattere contro queste tipologie di parassiti si caratterizzano per essere molto meno nocivi per l’ambiente in confronto a qualche decennio fa, ma in ogni caso si devono considerare delle operazioni necessarie per salvaguardare la salute e il corretto sviluppo della pianta.Non dobbiamo dimenticare come gli interventi a base di composti chimici per ridurre il rischio di attacco proveniente da questi parassiti che abbiamo appena citato devono essere svolti almeno ogni dieci giorni.Il primo intervento per tenere lontano il parassita deve essere eseguito nel momento in cui compaiono i grappoli, in modo tale da scongiurare subito qualsiasi possibilit di attacco da parte dei parassiti, mentre l’ultimo dovr avvenire circa 45 prima che inizi la fase della vendemmia, in maniera tale per fare in modo che dei residui dei prodotti chimici utilizzati possano poi andare a condizionare o ad influire sulla fermentazione alcolica.Per quanto riguarda la filossera, dobbiamo sottolineare come si tratti di un parassita che, al giorno d’oggi, si combatte efficacemente grazie all’impiego di un apparato radicale americano che si caratterizza per essere immune di fronte all’attacco di tale minaccia.Al giorno d’oggi, le piante della vite che vengono coltivate nel Vecchio Continente, si caratterizzano per avere proprio questo apparato radicale americano, mentre la parte fruttifera sempre di stampo europeo e si applica tramite un innesto.

Guarda il Video



Alphakey